Invadere lo spazio urbano: la street art musiva di Invader

Un’arte decisamente colorata, fortemente sintetica, un’arte affascinante che si installa con audacia sui muri e dappertutto, arte vivente, moltiplicata, e non isolata e seppellita nei musei” – Manifesto dell’arte pubblicitaria di Fortunato Depero.
Tra gli street artist più conosciuti e riconoscibili degli ultimi anni figura senza dubbio il parigino Invader che, grazie al suo progetto Space Invaders, è riuscito a colonizzare in maniera pacifica, giocosa e colorata buona parte del globo terrestre, dalla Francia al Nepal, dall’Italia agli Stati Uniti. Nel nome e nella forma si rifà chiaramente al videogame omonimo, ormai un gioco vintage per le nuove generazioni, al contrario un pioniere del digitale diventato culto per coloro che hanno vissuto negli anni ottanta e novanta.

Invader, Sirena, Marina di Ravenna courtesy Invader
Invader, Sirena, Marina di Ravenna courtesy Invader

Invader, il cui nome e volto restano ancora sconosciuti, abbandona gli stilemi più classici e consueti dell’arte urbana, per dedicarsi a un medium originale e fuori dagli schemi, personale eppure antichissimo. Le sue opere sono infatti dei vivaci quadrati a mosaico, il cui soggetto cambia a seconda del luogo scelto per l’invasione, sia essa guerrigliera e illegale o al contrario commissionata da gallerie.

Invader, Happy as a Tree in Ravenna, via di Roma
Invader, Happy as a Tree in Ravenna, via di Roma

Nel sito web dell’artista è possibile seguire ogni suo spostamento e rendersi conto di quante città siano state toccate dal francese, che è arrivato addirittura in India e Australia. Spesso le sue opere sono in bella vista sui muri degli edifici più centrali delle città, soprattutto in Europa, altre volte invece sono piccoli quadratini nascosti in alto, sotto un cornicione o vicino alle targhe delle strade, o ancora possono trovarsi sui piloni dei cavalcavia di strade a scorrimento veloce, come tangenziali e statali.

Invader, S.t, Ravenna, statale Adriatica, 2015, courtesy Invader
Invader, S.t, Ravenna, statale Adriatica, 2015, courtesy Invader

 

Invader, Making of Giustiniano e Teodora, 2015, courtesy Invader
Invader, Making of Giustiniano e Teodora, 2015, courtesy Invader

Uno dei suoi posti finora più “urbanizzati” resta Ravenna, città per antonomasia legata al mosaico: la prima comparsa è avvenuta nel 2014 e la seconda più massiccia nel settembre del 2015, con ben 15 messe in opera. Quest’ultimo intervento è stato davvero un vero e proprio omaggio alla tradizione del mosaico in uno dei suoi luoghi più rappresentativi, una città letteralmente coperta di opere musive, bizantine ma anche contemporanee, illuminate dai bagliori dorati delle tessere e contraddistinte da forti simboli iconici.

Invader, Giustiniano e Teodora, 2015, courtesy Invader
Invader, Giustiniano e Teodora, 2015, courtesy Invader

E così su un muro accanto alla basilica di San Vitale hanno fatto la loro comparsa i volti degli imperatori Giustiniano e Teodora (il cui corrispettivo di VI secolo si trova proprio dentro San Vitale), per poi scomparire dopo qualche giorno (rimossi dai residenti?), lasciando solo le tracce delle tessere e il muro scrostato.

Giustiniano e Teodora, Ravenna, via San Vitale
Giustiniano e Teodora, Ravenna, via San Vitale

Resistono invece le colombe alla fonte (The strange encounter), vero simbolo della città affisso su centinaia di souvenir, e i suoi tanti “invaders” sparsi un po’ ovunque, su sfondi dorati in perfetto stile paleocristiano o con tessere dai toni sgargianti, in rosso, blu o verde.

The Strange Encounter, Ravenna, via Rasponi
The Strange Encounter, Ravenna, via Rasponi

Una delle opere più divertenti e amate resta il lavoro commissionato dall’associazione culturale Marte al Planetario cittadino nel 2014, dove su un pannello di grandi dimensioni figurano Spock e una navicella aliena, protagonisti di un immaginario fantascientifico e nerd tanto caro all’artista.

Invader, Planetario, Ravenna
Invader, Planetario, Ravenna

Invader si è poi spinto fino al mare, dove ha realizzato una sirenetta sul molo di Marina di Ravenna, tra barche e pescatori, un po’ in stile Copenaghen.

Invader, Sirenetta, 2015, courtesy Invader
Invader, Sirenetta, 2015, courtesy Invader

ENGLISH TEXT
Invading urban space: mosaic street art by Invader.
A quite colorful art, highly synthetic, a fascinating art installing on the walls and everywhere, living and multiplied art, not lonely and buried in the museums” – Fortunato Depero.
One of the most renowed street artist is definetely Parisian Invader who, thank to his project Space Invaders, is succeed in colonizing in a pacific, colorful and playful way a huge part of the earth, from France to Nepal, from Italy to United States. In the name and in the form he is inspired by homonimous videogame, a vintage and old fashioned game for new generations, on the contrary a pioneer of digital era become a cult for those who grew up in eightiees and ninetiees.

Invader, Ravenna, Mercato coperto, 2015
Invader, Ravenna, Mercato coperto, 2015

Invader, whose name and face are still unknown, gives up the most classical and ordinary features of urban street to dedicate himself to an original and outside the box expressive medium, personal and very ancient at the same time. His artworks in fact are some bright mosaic squares, whose subject changes in according to the place he chose for the invasion, both fighting and illegal or instead commissioned by galleries. In his web site it is possible to follow every movement and to realize how many towns have been invaded by French artist, who arrived just in India and Australia. His works are often in a beautiful sight on the walls of the most central buildings, especially in Europe, other times his small squares are hidden on the top, near to street tags, or they can be along the highway.

Invader, Ravenna, via Guidone, 2015
Invader, Ravenna, via Guidone, 2015

So far one of the most “urbanized” place by Invader is Ravenna, a town highly connected to mosaic: his first appearance dates in 2014 while the second one in September 2015, with 15 installations. This last attendance has been a real homage to mosaic tradition in one of the most representative spot, a town litteraly covered on mosaic works, not only from Bizantine period but also contemporary, enlightened by golden squares and marked by strong iconic symbols. On a wall next to San Vitale church, emperors Giustiniano and Teodora faces appear one day and then disappear after few days (removed by inhabitants?), leaving just some traces and a scraped wall.

Invader, The Strange Encounter, Ravenna, via Rasponi, 2015
Invader, The Strange Encounter, Ravenna, via Rasponi, 2015

What is still resisting are watering doves (The strange encounter), a real symbol of the city posted on hundreds of souvenirs, and his several “invaders” everywhere, on golden backgrounds in Byzantine style or with gaudy squares, in red, blue or green tones. One of his most funny and loved works was commissioned by cultural association Marte at the local planetarium in 2014 and it represents Spock and an alien spaceship, characters of a sci-fi and nerd imaginary, loved so much by the artist. In the end Invader push on to the sea, where he realized a mermaid on the dock of Marina di Ravenna, between boats and fishermen, a bit in Copenaghen style.

Invader, The Hidden Tower, Ravenna, piazza Duomo
Invader, The Hidden Tower, Ravenna, piazza Duomo
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...