Visitare Parigi senza spendere (quasi) nulla – La Défense

La Défense nasce come quartiere degli affari, con le sedi delle principali multinazionali e delle più importanti aziende francesi, ma diventa in breve tempo un vero e proprio museo a cielo aperto di arte contemporanea, arricchito da giardini, fontane, spazi verdi.
La sua costruzione inizia negli anni cinquanta, quando la Francia punta sulla decentralizzazione (la zona si trova fuori dai confini parigini) e la modernità per risollevarsi dagli orrori e dalle distruzioni della guerra. Sin dal principio si decide per la pedonalizzazione dell’area: le auto, i parcheggi, i trasporti e persino l’autostrada sono posti sottoterra e sono di fatto invisibili.
Ospita anche uno dei più grandi centri commerciali d’Europa, con negozi e servizi di ogni tipo e di ogni prezzo.

La Torre Moretti - Raymond Moretti
La Torre Moretti – Raymond Moretti

Più di un centinaio di torri ultramoderne svettano nel cielo, ognuna diversa ma tutte parti di uno stesso insieme, dai colori e dalle forme più impensabili, molto diverse insomma dalla tristezza e dal grigiore dei grattacieli americani. Tra di esse la torre denominata I tre alberi dell’architetto Grataloup (1988) e la torre Le Moretti (1990) realizzata dall’architetto Raymond Moretti (nizzardo di origine italiana), che altro non è che una torre di ventilazione, formata da tubi in fibra di vetro dipinti a righe coloratissime.

Torre Les Trois Arbres
Torre Les Trois Arbres

Artisti famosi hanno firmato un’ottantina di opere d’arte, la maggior parte di enormi dimensioni, accessibili in qualsiasi ora del giorno e gratuitamente. Tra le più lampanti c’è il grande Ragno rosso di Calder (1976), scultura in acciaio alta 15 metri, che richiama l’omonima opera posta a Chicago, ed è una delle ultimissime creazioni dell’artista, morto nello stesso anno. Lontana dall’essere una creatura minacciosa e spaventosa, è diventata una vera attrazione. Di dimensioni più piccole ma ugualmente d’impatto è il mezzo busto di Mitoraj, Le Grand Toscano (1983), con la testa tagliata sotto il naso, senza braccia, il cuore trafitto, una sorta di moderna rivisitazione di una statua classica. Con effetto totalmente straniante si erge il Pollice di César (1994), un pollicione alto ben 12 metri, calco del dito dell’artista marsigliese (ma di origine italiana) e ingrandito a dismisura. I buffi e coloratissimi personaggi di Mirò (1976) marcano l’ingresso del centro commerciale, mentre la Fontana di Agam (1988) incanta con i suoi giochi d’acqua e il mosaico del fondo dà l’illusione del movimento (gli smalti delle tessere vengono direttamente da Venezia). Un’altra fontana monumentale è quella nel Bassin Takis (1990), costituita da 49 segnali, un po’ indicatori un po’ semafori, che si muovono grazie al vento.

La fontana Agam e l'Arc de Triomphe sullo sfondo
La fontana Agam e l’Arc de Triomphe sullo sfondo
Le Bassin Takis
Le Bassin Takis

La costruzione più eclatante rimane tuttavia La Grande Arche (1989), arco contemporaneo che riprende i classici archi trionfali romani e parigini (l’Arc de Triomphe su tutti, ma anche l’Arc du Carrousel du Louvre), ma ingigantito, tanto da poter idealmente contenere al suo interno la chiesa di Notre-Dame. È posto sulla linea che arriva fino all’Arc de Triomphe ed è stato non a caso inaugurato il 14 luglio 1989, nel bicentenario della Rivoluzione francese. È possibile salire in cima grazie a un ascensore completamente trasparente e godere di una vista mozzafiato (questo però a pagamento, ma ne vale davvero la pena).

La Grande Arche, la Fontana Agam e i personaggi di Mirò
La Grande Arche, la Fontana Agam e i personaggi di Mirò

Un’altra particolarità è infine la presenza di una vigna, che produce veramente vino, installata qui nel 2007 e che rendono il luogo ancora più parigino e d’altri tempi, invecchiando un po’ la modernità del quartiere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...